I vantaggi della digitalizzazione per le imprese

con Nessun commento

La competitività delle imprese oggi passa anche dalla loro capacità di avviare processi di digitalizzazione. La digital transformation può permettere alla tua impresa di evitare il rischio di rimanere “tagliata fuori” dalle dinamiche innovative che questa trasformazione porta con sé, insieme ad altri numerosi vantaggi, vediamo come.

I processi di digitalizzazione comportano spesso uno sforzo iniziale da parte dell’azienda, un impegno volto a inserirsi in un percorso di evoluzione, e quindi di cambiamento, che potrà portare, se bene indirizzato, ad una maggiore efficienza e ad una produttività più alta.

 

Vediamo cosa le imprese possono ottenere attraverso i processi di digitalizzazione:

  • Ridurre drasticamente l’utilizzo degli archivi cartacei, predisponendo procedure che permettono la digitalizzazione di molti documenti. L’archiviazione cartacea porta via molte risorse in termini di spazio e tempo, inoltre al documento cartaceo si può accedere solamente se ci troviamo fisicamente in azienda. Diversamente, con il formato digitale, i documenti sono accessibili in remoto, da qualsiasi parte del mondo ci troviamo possiamo reperire una specifica documentazione digitale, disponibile nei server o nel cloud della nostra azienda.
  • Utilizzo di software gestionali, questi sono tools in grado di aumentare i livelli di produttività aziendale, si possono acquistare oppure attivare degli abbonamenti mensili o annuali per il loro utilizzo, di solito quest’ultima opzione prevede un loro utilizzo in cloud. I software gestionali permettono di automatizzare molti dei processi dell’azienda, dipendentemente dal loro livello di complessità, riducendo così i tempi di esecuzione e l’eventualità di commettere errori.
  • Cloud, grazie all’utilizzo di questa tecnologia l’azienda può avere tutti i file su server remoti, così sono consultabili da qualsiasi dipendente e collaboratore, in qualsiasi luogo essi si trovino, basta un device come notebook e smartphone e una connessione.

 

 

Ma le aziende, in Italia, a che punto sono con i processi di digitalizzazione?

All’interno dello studio Digital Economy and Society Index 2017 dell’Unione Europea si legge: “l’Italia è al 25esimo posto. Per quanto riguarda l’utilizzo delle tecnologie digitali da parte delle imprese e l’erogazione di servizi pubblici online, l’Italia si avvicina alla media. Rispetto all’anno scorso ha fatto progressi in materia di connettività, in particolare grazie al miglioramento dell’accesso alle reti NGA. Tuttavia, gli scarsi risultati in termini di competenze digitali rischiano di frenare l’ulteriore sviluppo dell’economia e della società digitali.”

Va da sé che servono competenze digitali per la crescita dei livelli di digitalizzazione delle imprese. Per Gi Group la lista delle 5 competenze utili per lo sviluppo delle tecnologie di digitalizzazione nelle aziende sono:

  • Elasticità mentale, affrontare l’evoluzione tecnologica in maniera aperta e agevolare l’evoluzione della cultura aziendale.
  • Resilienza, o la capacità di non arrendersi di fronte al cambiamento.
  • Proattività verso le soluzioni e i risultati duraturi.
  • Orientamento al mercato, con la capacità di posizionarsi all’interno dei un sistema in forte cambiamento.
  • Autoconsapevolezza e la capacità di riconoscere e valutare le proprie competenze con l’obiettivo di svilupparle e migliorarle.

 

La digitalizzazione non è un trend transitorio, le aziende sono sempre più inserite in sistemi economici interconnessi e all’interno dei quali si assiste ad una continua crescita di complessità, quindi questi processi tecnologici sono probabilmente destinati a durare nel tempo, ed evolversi di pari passo con le innovazione tecnologiche digitali a cui assisteremo in futuro.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *